Homepage2018-11-14T14:37:59+01:00

Di |1 Novembre 2019|

La memoria europea (dopo l’affronto alla Segre)

La mozione approvata dal parlamento europeo sulla “importanza della memoria europea per il futuro dell’Europa” ha suscitato discussione per la equiparazione fra nazismo e comunismo come “regimi totalitari”, che devono far parte di un patrimonio fatto del ricordo dei patimenti. In dettaglio ci sono due espressioni che hanno espresso questo orientamento: una sui “regimi nazisti e comunisti” come perpetratori di crimini senza precedenti e il crimine dell’Olocausto (sic!); l’altro sui “simboli nazisti e comunisti”, banditi dall’unione.

Che tale equiparazione – legittima solo a chi crede che esista una bilancia per le sofferenze – non abbia alcuna possibile plausibilità storica l’ha spiegato su queste colonne Umberto Gentiloni: giacché è evidente che per la scienza storica ogni assimilazione fra processi storici diversi costituisce una rinuncia al proprium di una scienza che esiste anche se non è infallibile.

Ma il fatto che questa assimilazione sia stata possibile nella più alta autorità di questo continente la dice lunga su cosa accade quando si perde il senso di ciò […]

Di |1 Novembre 2019|

Cicerone, 56 a.C.

Nihil enim (Clodius) contra me fecit odio mei, sed odio severitatis, odio dignitatis, odio rei publicae: non me magis violavit quam senatum Nulla ha fatto Clodio contro di me per odio verso la mia persona: ma per [...]